Comune di Sorrento (NA)

Bando Pubblico per l'accesso al Fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli

..
Multilingua
mercoledì 22 marzo 2017
Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sul nostro account Twitter Seguici tramite feed RSS
..
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
Notizie dal Comune
..
Bando Pubblico per l'accesso al Fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli
02-02-2015

Il Comune di Sorrento indice bando pubblico per l’erogazione di contributi ai cittadini morosi incolpevoli ai sensi del Decreto Legge 31 agosto 2013 n.102, del decreto attuativo del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti n.202 del 14 maggio 2014 e della DGR n.804 del 30 dicembre 2014.

Articolo 1
- Finalità -
Il bando persegue lo scopo di sostenere gli inquilini titolari di contratti sul libero mercato che si trovano in situazione di morosità incolpevole e sono soggetti a provvedimento di sfratto.
Per morosità incolpevole si intende la situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone di locazione a ragione della perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare.

Articolo 2
- Criteri e requisiti d’accesso –
Possono richiedere il contributo i cittadini residenti nel Comune di Sorrento in possesso dei seguenti requisiti:
- reddito ISE non superiore ad euro 35.000,00 o un reddito derivante da regolare attività lavorativa con valore ISEE non superiore ad euro 26.000,00;
- essere destinatari di un atto di intimazione di sfratto per morosità, con citazione per la convalida;
- essere titolari di un contratto di locazione di unità immobiliare ad uso abitativo regolarmente registrato, relativo ad un immobile non di edilizia residenziale pubblica (sono esclusi gli immobili appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9);
- essere residente, da almeno un anno, nell’alloggio oggetto della procedura di rilascio;
- avere la Cittadinanza italiana o di uno Stato appartenente all’Unione Europea oppure nei casi di cittadini non appartenenti all’UE, possedere un regolare titolo di soggiorno ai sensi del Testo Unico D.Lgs. n.286 del 25.07.1998 e ss.mm.ii;
- non essere titolari (né il richiedente né alcun componente il nucleo familiare) di diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione nella provincia di residenza di altro immobile fruibile ed adeguato alle esigenze del proprio nucleo familiare.
Il Comune verifica, inoltre, che il richiedente ovvero uno dei componenti del nucleo familiare residente nell’alloggio è un lavoratore dipendente, autonomo o precario colpito dagli effetti della crisi economica, con conseguente riduzione della capacità reddituale per:
1. perdita del lavoro per licenziamento;
2. accordi aziendali o sindacali con consistente riduzione dell’orario di lavoro;
3. cassa integrazione ordinaria o straordinaria che limiti notevolmente la capacità reddituale;
4. mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici;
5. malattia grave, infortunio o decesso di un componente il nucleo familiare, che abbia comportato o la consistente riduzione del reddito complessivo del nucleo medesimo o la necessità dell’impiego di parte notevole del reddito per fronteggiare rilevanti spese mediche e assistenziali;
6. cessazione di attività libero-professionali o di imprese registrate derivanti da cause di forza maggiore o da perdita di avviamento in misura consistente.
Il Comune avvalendosi del contributo dei servizi sociali può attestare la diminuzione della capacità reddituale anche per altri motivi, sempreché connessi al peggioramento della condizione economica generale, in particolare per quanto attiene i fenomeni di precarietà lavorativa, separazione legale, ecc.

Articolo 3
- Presentazione della domanda –
I cittadini interessati ed in possesso dei requisiti di cui sopra possono fare richiesta compilando apposita domanda disponibile presso l’Ufficio di Piano di Zona, sito in Sorrento - C.so Italia n.236, o scaricabile dal sito www.comune.sorrento.na.it.
Le domande devono essere spedite, insieme alla documentazione, in busta chiusa specificando il mittente, a mezzo A/R con la seguente dicitura “Bando per l’erogazione dei contributi agli inquilini morosi incolpevoli”, entro il 02.03.2015, si precisa che la scadenza del bando è stata proporagata con determina n.152 del 13.02.2015   (farà fede la data del timbro postale).
Alla domanda di partecipazione regolarmente sottoscritta, con allegata fotocopia del documento di riconoscimento in corso di validità, dovrà essere allegata la seguente documentazione, pena l’esclusione:
1. dichiarazione sostitutiva unica, resa e sottoscritta dal concorrente, ai sensi del decreto legislativo 31 marzo 1998, n.109 e successiva modifiche ed integrazioni, debitamente compilata in ogni sua parte, per la verifica della situazione economica e patrimoniale del nucleo familiare;
2. contratto di locazione;
3. certificato di residenza storico o eventuale dichiarazione, ai sensi del D.P.R. 445/2000;
4. attestazione di documentato possesso della perdita o sensibile diminuzione della capacità reddituale ovvero attestazione di licenziamento, cassa integrazione ordinaria, straordinaria, collocazione in stato di mobilità, mancato rinnovo di contratti;
5. stato di famiglia storico o eventuale dichiarazione, ai sensi del D.P.R. 445/2000;
6. dichiarazione ISE ed ISEE per l’annualità precedente a quella di riferimento del bando (ISE – ISEE anno 2014, redditi 2013);
7. attestazione di malattia grave, infortunio o decesso resa dal medico curante o dalla ASL di appartenenza;
8. copia sentenza di separazione legale;
9. copia del provvedimento di sfratto per morosità con citazione per convalida ed eventuale dichiarazione, ai sensi del D.P.R. 445/2000 che a seguito dello sfratto è stato stipulato un nuovo contratto di locazione ad uso abitativo con le modalità stabilite dalla legge 431/98;
10. ogni altra documentazione idonea a dimostrare il possesso dei requisiti soggettivi ed oggetti.

Articolo 4
- Formazione graduatoria, priorità, riserve e gestione del bando –
La selezione dei beneficiari avverrà mediante la formulazione di una graduatoria in funzione crescente del valore ISE dell’anno precedente a quello di riferimento (ISE – ISEE anno 2014, redditi 2013).
A parità di punteggio sarà data priorità ai concorrenti in base alle seguenti condizioni e secondo l’ordine di elencazione delle stesse. Presenza all’interno del nucleo familiare di almeno un componente che sia:
- ultrasettantenne;
- minore;
- invalidità accertata per almeno il 74%;
- in carico ai servizi sociali o alle aziende sanitarie locali per l’attuazione di un progetto assistenziale individuale;
- nuclei familiari senza fonte di reddito.
Permanendo la parità, si procederà a sorteggio.
In esecuzione al bando si procederà nel seguente modo:
- ricognizione delle buste arrivate entro i termini ed apertura delle stesse;
- stesura della graduatoria provvisoria;
- eventuale comunicazione ai richiedenti del contributo di rettifiche per le istanze incomplete e richiesta di integrazioni di documenti, con la precisazione che gli atti richiesti devono pervenire all’Ufficio di Piano di Zona entro 15 giorni dall’avvio della lettera, pena l’esclusione del beneficio;
- dopo l’integrazione della documentazione richiesta l’Ufficio di Piano di Zona provvederà a redigere una graduatoria definitiva da rendere pubblica;
- verrà inviato ad ogni richiedente comunicazione dell’avvenuta concessione del beneficio e nel caso contrario le motivazioni dell’esclusione;
- dopo l’avvenuta ricezione dei soldi stanziati dalla Regione Campania per il fondo per l’erogazione di contributi ai cittadini morosi incolpevoli verrà inviata comunicazione ai richiedenti aventi diritto collocati in graduatoria per informarli se c’è oppure no copertura finanziaria.

Articolo 5
- Priorità nella concessione dei contributi –
Il Comune concede i contributi a favore di:
1. inquilini, nei cui confronti sia stato emesso provvedimento di rilascio esecutivo per morosità incolpevole, che sottoscrivono con il proprietario dell’alloggio un nuovo contratto a canone concordato;
2. inquilini la cui ridotta capacità economica non consenta il versamento di un deposito cauzionale per stipulare un nuovo contratto di locazione. In tal caso il Comune prevede le modalità per assicurare che il contributo sia versato contestualmente alla consegna dell’immobile;
3. inquilini, ai fini del ristoro, anche parziale, del proprietario dell’alloggio, che dimostrino la disponibilità di quest’ultimo a consentire il differimento dell’esecuzione del provvedimento di rilascio dell’immobile.


Articolo 6
- Criteri per la formazione della graduatoria e dell’entità del contributo –
Il contributo massimo erogabile è così determinato:
Per gli inquilini di cui al punto 1) dell’art. 5 il contributo non può essere superiore all’importo complessivo dei canoni insoluti con un massimo di:
€ 6.000,00
Per gli inquilini di cui al punto 2) dell’art. 5 il contributo non può essere superiore all’importo di 3 mensilità con un massimo di:
€ 3.000,00
Per gli inquilini di cui al punto 3) dell’art. 5 il contributo è graduato in funzione dell’entità del differimento dell’esecuzione del provvedimento di sfratto con un minimo di 6 mesi. L’importo massimo del contributo non può superare:
€ 3.000,00
I contributi saranno erogati fino ad esaurimento dei fondi disponibili e potranno essere anche trasferiti direttamente al proprietario dell’alloggio con accordo formalizzato o liberatoria dell’inquilino.
Si precisa che la Regione Campania procede al riparto delle risorse disponibili per il Comune di Sorrento in proporzione al numero di richieste di contributi rilevati dal presente Bando.

Articolo 7

- Controlli -
Il Comune effettua controlli che interessino un campione statisticamente significativo dei beneficiari avvalendosi delle informazioni in proprio possesso, nonché di quelle di altri enti della Pubblica Amministrazione.
L’attuazione dei controlli circa la veridicità dei dati forniti dai beneficiari avverrà anche con l’invio alla Guardia di Finanza competente per territorio degli elenchi dei beneficiari.

Articolo 8

- Obblighi dei Comuni –
Il Comune comunica alle Prefetture – Uffici Territoriali del Governo e alla Direzione Generale per il Governo del Territorio 53-09 l’elenco dei soggetti richiedenti che hanno i requisiti per l’accesso al contributo per le valutazioni funzionali all’adozione delle misure di graduazione programmate dell’intervento della forza pubblica nell’esecuzione dei provvedimenti di sfratto.
Il Comune monitora e comunica alla Direzione Generale per il Governo del Territorio 53-09 gli interventi attivati con modalità e procedure da definire con successivi provvedimenti della predetta D.G.


Articolo 9

- Informativa in materia di protezione dei dati personali, ai sensi del D.Lgs. 196/2003
I dati personali acquisiti con la domanda e gli allegati indicati al precedente articolo 3:
- devono essere necessariamente forniti per accertare la situazione economica del nucleo del dichiarante, i requisiti dell’accesso al contributo e la determinazione del contributo stesso;
- sono raccolti dal Comune e trattati, anche con strumenti informatici, al solo fine di erogare il contributo e per le sole finalità connesse e strumentali previste dal presente bando;
- sono trasmessi a Prefettura e Regione e possono essere comunicati al Ministero delle Finanze e alla Guardia di Finanza per i controlli previsti.
Il Comune e la Regione sono i titolari del trattamento dei dati.
Il Responsabile del procedimento è il Dirigente del I Dipartimento, il Dr. Antonino Giammarino.

 


Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

07-11-2016 -
E’ disponibile sul sito web del Comune di Sorrento, all’indirizzo www.comune.sorrento.na.it il bando e la relativa modulistica relativi al rilascio di abbonamenti per la sosta agevolata nel ....

In questa pagina

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Sorrento (NA) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it