Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
Notizie dal Comune
ACCONTO IMPOSTA MUNICIPALE UNICA 2014 (IMU)
03-06-2014

Calcola l'IMU 2014

http://www.riscotel.it/calcoloiuc2014/?comune=I862

 

Si ricorda che entro il 16 giugno 2014 deve essere effettuato il versamento in acconto dell’Imposta Municipale Unica (IMU), dovuta per l’anno 2014.
 

BASE IMPONIBILE
Per i fabbricati: la rendita catastale dell’immobile, rivalutata del 5%, va moltiplicata per i seguenti coefficienti:
Per i fabbricati delle categorie catastali del gruppo A (con esclusione della categoria catastale A/10) e per le categorie catastali C/2, C/6 e C/7 160
Per i fabbricati del gruppo catastale B e per le categorie catastali C/3, C/4 e C/5 140
Per i fabbricati delle categorie catastali A/10 e D/5 80
Per i fabbricati della categoria catastale D (ad esclusione della categoria D/5) 65
Per i fabbricati della categoria catastale C/1 55
Per i terreni agricoli: il reddito dominicale, rivalutato del 25%, va moltiplicata per i seguenti coefficienti:
Per i terreni posseduti e condotti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali iscritti alla previdenza agricola 75
Per i terreni non rientranti nella fattispecie di cui sopra 135

ALIQUOTE
Per l’acconto 2014 si applicano le aliquote deliberate per l’anno 2013 (Del. C. C. n. 62 del 11/09/2013):
Per l’abitazione principale di categorie A/1, A/8 e A/9 e le relative pertinenze 0,40%
Per unità abitative tenute a disposizione (ossia non locate, non concesse in comodato d’uso a parenti entro il 2° grado ivi residenti). 1,06%
Per gli immobili di categoria catastale C/2, C/6 e C/7 non pertinenziali 1,06%
Per tutti gli immobili appartenenti alla categoria catastale D 0,76%
Per tutti gli altri immobili non compresi nei precedenti 0,86%

DETRAZIONE ABITAZIONE PRINCIPALE:
Per l’abitazione principale di categoria A/1, A/8 e A/9 e le relative pertinenze è prevista una detrazione di € 200,00 rapportati al periodo dell’anno durante il quale si protrae tale destinazione.

RIDUZIONI
La base imponibile è ridotta del 50%:
- per i fabbricati di interesse storico o artistico di cui all’art.10 del D. Lgs. 22/01/2004, n. 42;
- per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell’anno durante il quale sussistono dette condizioni. L’inagibilità o inabitabilità è accertata dall’Ufficio Tecnico Comunale con perizia a carico del proprietario, che allega idonea documentazione alla dichiarazione. In alternativa, il contribuente ha facoltà di presentare una dichiarazione sostitutiva ai sensi del D. P. R. 28/12/2000 n. 445.

ESENZIONI:
In base all’art. 1 del D.L. n. 133 del 30.11.2013 l’imposta NON è dovuta per:
- L’abitazione principale e relative pertinenze (ad esclusione delle categorie A/1, A/8 e A/9 e loro pertinenze);
- Unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica;
- La casa coniugale assegnata al coniuge, disposta a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;
- Gli immobili posseduti, e non concessi in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, dal personale appartenente alla carriera prefettizia, purché il fabbricato non sia censito nelle categorie catastali A/1, A/8 o A/9;
- I fabbricati rurali ad uso strumentale.

VERSAMENTO
L’imposta va versata interamente al Comune, ad eccezione degli immobili classificati in cat. D. Per tali immobili, infatti, la quota pari allo 0,76% dell’imponibile è destinata allo Stato. Il versamento dell’imposta in acconto dovrà essere eseguito tramite Mod. F24 presso qualsiasi Istituto Bancario e Postale, utilizzando i seguenti codici tributo:
3912 IMU - imposta municipale propria su abitazione principale e relative pertinenze – COMUNE
3914 IMU - imposta municipale propria per i terreni agricoli – COMUNE
3916 IMU - imposta municipale propria per le aree fabbricabili - COMUNE
3918 IMU - imposta municipale propria per gli altri fabbricati – COMUNE
3925 IMU - imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – STATO
3930 IMU - imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – INCREMENTO COMUNE
Il Codice Ente di Sorrento da utilizzare è I862.

Per informazioni è possibile rivolgersi presso;
- Ufficio Tributi del Comune di Sorrento - Piazza S. Antonino n. 14 - tel. 081/533532 – 238, nei giorni martedì e giovedì dalle ore 09.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 alle ore 17.00
- Andreani Tributi Srl - Via S. M. della Pietà n. 24 - tel 081/19143371, nei giorni lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 09.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 alle ore 17.00
 

Tasse e tributi locali (SEZIONE DEDICATA)

 


Notizie e Comunicati correlati

28-11-2017
Gentile Contribuente, entro il 18 dicembre 2017 deve essere effettuato il pagamento della rata a saldo dell’Imposta Municipale ....

Condividi questo contenuto